Ricostruzione complesso areola-capezzolo

Dottore dopo quanto tempo dall'impianto della protesi in silicone è possibile effettuare la ricostruzione del complesso areola-capezzolo?

Risponde il Dr Domenico Gerbasi 

Per completare una ricostruzione mammaria dopo mastectomia, una volta impiantata la protesi in silicone ed eventualmente effettuata la simmetrizzazione dell'altra mammella "sana", su richiesta delle stesse pazienti, si effettua la ricostruzione del complesso areola-capezzolo (C.A.C.).

Siccome è appurato che dopo questo tipo di chirurgia ricostruttiva si verificano degli assestamenti di entrambi i seni (millimetrici spostamenti della protesi in verticale alto-basso o sull'asse orizzontale destra-sinistra), i chirurghi plastici preferiscono attendere un periodo più o meno lungo, generalmente 1 anno, prima di ricostruire il C.A.C., in modo da evitare un disallineamento dei due C.A.C., possibile se eseguito tempo presto.

 

 

Sì ma, nel frattempo che attendo la ricostruzione del complesso areola-capezzolo posso ovviare in qualche modo?

Certamente, oggi esistono in commercio, facilmente reperibili anche su siti specializzati on line, dei complessi areola-capezzolo in silicone adesivo, prodotti in varie gradazioni di colore e di dimensioni, che aderiscono perfettamente alla pelle anche fino a 6 mesi, nonostante le docce quotidiane.

Certo, non è la stessa cosa che avere la ricostruzione finale, ma rappresentano una valida alternativa spesso indistinguibile dal C.A.C. naturale e molte donne che ne fanno utilizzo sono entusiaste.